Aiguille du Midi – Parete Sud – Via Rebuffat

Aiguille du Midi - Via Rebuffat

La Rebuf, un mito tra le più belle arrampicate su roccia del Monte Bianco

La via di roccia più percorsa del Monte Bianco. La Cima Sud dell’ Aguille du Midi, è stata vergine fino al 1956 anno in cui Gaston Rebuffat e Maurice Bacquet sono riusciti a scalarne l’ incredibile parete sud, pensare che la Cima Nord che si trova a pochi metri di distanza e’ raggiunta da migliaia di persone che salgono con la funivia.

Guarda il filmato della via, realizzato dalla Compagnie Des Guides de Chamonix.

Zona: Aiguilles de Chamonix, Monte Bianco

Quota partenza (m): 3600

Quota vetta (m): 3800

Apritori: salita dal basso il 13 luglio 1956 da Gaston Rebuffat e Maurice Bacquet

Sviluppo: 250 m

Tipo di apertura: dal basso con chiodi tradizionali, solo in un passaggio fu piantato il primo fix artigianale del Monte Bianco

Esposizione: sud

Difficoltà: 6b, 5c obbl.

Note: via molto percorsa, evitare i momenti di punta. La via è da proteggere a friens, in loco solo soste e protezioni essenziali

Equipaggiamento: ramponi e piccozza per l’avvicinamento, friend, anche molto piccoli per la fessura a S e medi fino al 3 BD, due mezze corde da 50 m.

Accesso: da Chamonix salire in funivia all’ Aguille Du Midi

Avvicinamento: scendere la cresta, a volte affilata, giunti nel ghiacciaio passare una breve terminale in discesa e andare a destra verso il lato destro della parete, secondo la condizione del ghiacciaio si può partire direttamente raggiungendo con qualche passo un bel terrazzo ove ci si prepara, oppure se il ghiacciaio è basso si parte circa 30 metri più sotto per una bella fessura, ore o, 40.

Relazione

L0: In caso di ghiacciaio basso, salire un bellissimo diedro fessurato, 5c, che porta al terrazzino di partenza normale, sosta su chiodi e fix, 30 m

L1: salire una fessura, poi placca delicata, poi traverso sotto al tetto, dove è utile piazzare un friend che protegga il secondo da un possibile pericoloso pendolo, 5c, sosta su fix, 30 m

L2: traverso delicato a sinistra, 5c poi salita della fessura a S, 6a, sosta su fix, 30 m

L3: fessura poi passo delicato a sinistra, 6a poi fessura, 5c, sosta su resinato e spit, 30 m

L4: fessura che si prende 3 metri a sinistra, da cui si esce con passo di forza, 5c, poi più facile, 5a, sosta su fix, 20 m 

L5: fessura verticale 6 metri, 5b, poi un po’ a destra per rocce più facili, 4c, sosta su fix, 30 m

L6: salire per bellissime fessure 5a, sosta su fix, 20 m

L7: seguire una cengia 4 verso sinistra e salire per placche andando verso sinistra 4c, poi placche abbattute, sosta a sinistra su fix, 50 m

L8:  salire delle fessure a volte con ghiaccio in direzione di un obelisco rosso che si aggira sulla destra, 5a, con ampia spaccata superare una fenditura e attaccarsi alla parete di fronte, 5b e raggiungere la base del monolito finale, sosta su fix, 50 m

L9: salire seguendo i fix, 6b poi spostarsi un po’ a destra 5c,  sosta in vetta su fix, 15 m

Discesa: calata in doppia un po’ diagonale fino al terrazzo della funivia, possibile anche fare 2 brevi calate, più dirette.

Il bellissimo diedro fessurato della partenza bassa (L0)

Foto-relazione

Guarda il video storico sulla prima salita di Rebuffat.

Per l’affilatura chiodi da ghiaccio, ramponi, piccozze e servizi di personalizzazione scegli
MANTIS-PRO, prodotti e servizi per l’alpinismo

LINK INTERNI

– Vedi anche: Aiguille du Midi – Sperone dei Cosmiques

LINK ESTERNI

– Per le relazioni su Finale Ligure e Liguria vai al sito: www.vielunghefinale.com
– Per le relazioni sull’alpinismo sulle Alpi Biellesi vai al sito: www.montagnabiellese.com

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookies per avere una migliore esperienza di uso. Continuando si accetta che esso ne faccia uso come da normativa qui presente. Continuando a navigare su sito accetterai l’utilizzo di Cookies da parte di vielunghevalledaosta.com. Consulta la nostra Privacy Policy.