La Vierge – Via Romano Merendi

La Vierge - Via Romano Merendi

La Via Romano Merendi alla Vierge è una breve ma severa arrampicata, con accesso veloce ma un pò complesso, permette di vivere in pieno isolamento l’ambiente grandioso del Monte Bianco. Gli apritori hanno dedicato questa via a Romano Merendi, guida  alpina, scomparso nel 1963 durante un tentativo di prima salita invernale della Via Welzenbach sulla parete nord del Dent D’Herins

Zona: Monte Bianco, Bacino del Gigante

Quota partenza (m): 3250

Quota vetta (m): 3244

Apritori: Guido Machetto e Giorgio Bertone   il 2 agosto 1968. I primi tre tiri potrebbero essere una variante aperta da Gianni Lanza e Angelo Moglia il 8-9 marzo 1983

Sviluppo: 160 m

Tipo di apertura: dal basso con chiodi e cunei. La via è stata in parte riattrezzata a fix da Gianni Lanza, Roby Sellone, Seba Biolcati, Franco Delzoppo, nel 2008

Esposizione: ovest

Difficoltà: 6a, A1, 5c obbl.

Note: breve accesso, ma isolamento assicurato, un luogo ideale per una scalata avventurosa, fuori dai luoghi comuni. 

Equipaggiamento: ramponi e piccozza per l’avvicinamento, 2 serie di friend, fino al 3 B.D. qualche chiodo, può risultare utile ma non indispensabile, staffe 

Accesso: da Courmayeur salire in funivia a Punta Helbronner

Avvicinamento: raggiungere il Col Flambeaux poi scendere il ghiacciaio verso nord costeggiando il Petit Flambeau, in direzione della Vierge, fino al colle tra questa e la cresta nord del Petit Flambeau . Scendere costeggiando la cresta della Vierge fino ad un seracco che si scende in corda doppia, seguire ancora alla meglio tra seracchi e crepacci fino ad arrivare alla base delle parete ovest, ore 1 circa a secondo delle condizioni del ghiacciaio

Relazione

L0: salire un muretto e portarsi ad un terrazzino un pò al sicuro da possibili cadute di seracchi 5c, 1 fix di sosta, 10 m, secondo l’altezza della neve e del ghiacciaio

L1: salire una lama e attraversare a sinistra, 5c,  verso un bel diedro che si sale 5c e A1, e da cui si esce a destra, sosta su 2 fix distanziati, 30 m

L2: per fessure 5c, 6a, A0 andando verso destra, sosta su 2 fix, 30 m

L3: salire una fessura, 5c (fine della variante Lanza-Moglia)  spostarsi verso destra fino ad uno strapiombo che si sale, A1, sosta scomoda su 2 fix, 30 m

L4: salire un diedro con vecchio chiodo, 5c, A1  roccia delicata, poi fessure, 5c e diedro chiuso, 5c sosta da costruire con friends grossi, ( Giallo e Blu B. D.) in posto un vecchio chiodo

L5: diedro che all’ inizio ha una delicata lama incastrata, 5c, poi blocchi fino alla cresta qualche metro sotto la vetta, sosta su cordoni, 30 metri

Discesa: scendere la cresta in direzione del Petit Flambeau, II, giunti ad un intaglio, breve risalita, II, poi cengia e cresta affilata, II, fino ad un ancoraggio da calata di 30 m che porta al colle tra Vierge e Cresta Nord del Petit Flambeau, per la via percorsa in avvicinamento risalire al Col Flambeaux ed a Punta Helbronner, ore 1,45

Foto-relazione

Per questo itinerario puoi fare campo base al Camping Du Parc a Morgex (AO)

Per l’affilatura chiodi da ghiaccio, ramponi, piccozze e servizi di personalizzazione scegli
MANTIS-PRO, prodotti e servizi per l’alpinismo

LINK ESTERNI

– Per le relazioni su Finale Ligure e Liguria vai al sito: www.vielunghefinale.com
– Per le relazioni sull’alpinismo sulle Alpi Biellesi vai al sito: www.montagnabiellese.com

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookies per avere una migliore esperienza di uso. Continuando si accetta che esso ne faccia uso come da normativa qui presente. Continuando a navigare su sito accetterai l’utilizzo di Cookies da parte di vielunghevalledaosta.com. Consulta la nostra Privacy Policy.