Placca dei Cavalieri Perdenti – Via Anubi

Placca dei Cavalieri Perdenti - Via Anubi

La Placca dei Cavalieri perdenti fu scoperta da Alessandro Gogna, Gabriele Beuchod e Marco Marantonio che aprirono negli anni ’80 la Via Gogna Dixit, oggi completamente abbandonata a seguito di una schiodatura selvaggia.

Siamo andati in esplorazione in questa bella parete e ci pareva davvero un peccato vederla così dimenticata: dopo aver percorso la Via Amico Senza Biro (che è attrezzata recentemente con fix inox) ed aver visto le belle vie ormai abbandonate dei tempi passati, abbiamo pensato di aprire un nuovo itinerario.

La Via Anubi è una nuova via aperta dal basso, chiodata interamente a fix inox, che presenta arrampicata di placca su ottima roccia.

Nella parete sono presenti altre vie, attrezzate con materiale più datato: Amico Senza Biro e Anubi sono invece entrambe attrezzate a fix inox.

Gianni in apertura sul tiro chiave

Zona: Placca dei Cavalieri Perdenti, Noasca, Valle Orco

Quota partenza (m): 1110

Quota vetta (m): 1400

Apritori: Gianni Lanza, Dafne Munaretto, Valeria Zegna, Giorgio Santimaria il 16 agosto 2019

Sviluppo arrampicata: 175 metri

Tipo di apertura: dal basso con fix inox

Esposizione: sud

Protezioni: fix inox 

Difficoltà: 6a, 5c obbl. 

Note: piacevole arrampicata, un po’ discontinua, ma adatta a chi vuole avvicinarsi alla roccia della Valle dell’Orco senza troppo ingaggio

Equipaggiamento: normale da arrampicata

Accesso: dall’autostrada Torino Aosta, uscire al Casello di Ivrea, proseguire per Courgnè, imboccare la Valle dell’Orco e seguirla fino ad oltrepassare Noasca. Dopo alcuni tornanti, poco prima dell’imbocco della galleria per Ceresole, uscire a destra per la Borgata Pianchetti, quindi parcheggiare in uno slargo sulla destra vicino ad un grande masso con scritte.

Avvicinamento: seguire la strada asfaltata oltre la sbarra per circa 150 m, fino a reperire una traccia che sale a destra (presente un ometto su un masso). Seguire il sentiero ripido con numerosi ometti e rari segni rossi, superare una pietraia e raggiungere la base della parete, nome della via scritto alla partenza. Ore 0,20.

Valeria sulle belle placche di Anubi

Relazione

La via è pensata per procedere con tiri inferiori a 30 m: ciascuno è comunque libero di interpretarla a proprio piacimento.

L1: salire una bella placca abbattuta, 3°, sosta su 2 fix, 25 m

L2: salire la placca, 3°, poi attraversare una cengia con arbusti ed erba, superando un grande albero, sosta su 1 fix alla base di una placca nera, 20 m

L3: salire un muretto, 5a, poi salire verticalmente su placca, 3°, ad un fix traversare decisamente a sinistra, 2°, fino ad una cengia, sosta su 2 fix da collegare, 30 m. Da qui si diparte una cengia collegata con sentiero, da cui si può scendere. La via appena a sinistra è la Via Amico Senza Biro.

L4: salire verticalmente la placca lavorata, 4b, sosta su 2 fix da collegare, 20 metri

L5: salire la placca 5c, quindi con lama rovescia più tecnica, 6a, poi procedere su tratto più facile, 4c: affrontare un muretto tecnico di difficile impostazione, 6a, uscire poi verso sinistra, sosta su 2 fix da collegare, 30 metri

L6: salire la placca leggermente verso destra, 5b, poi più facile, 5a, dopo una cengia con vecchio chiodo tradizionale salire un pilastro, 5a sosta su 2 fix con cordone e maillon, 25 m

L7: salire in placca verso destra, 4a, poi superare un piccolo bombamento liscio, 5b, quindi per placche nere delicate, 5c, ad un chiodo andare a sinistra, 2°, sosta su 2 fix con cordone e maillon, 25 metri

Discesa: calate lungo la via fino alla cengia della sosta 3, poi a piedi su traccia a fianco della parete.

Valeria, Dafne e Giorgio in sosta
Valeria disegna Anubi

Foto-relazione

Per affittare o acquistare materiale d’arrampicata oppure per il campeggio o lo spuntino ai piedi del Sergent visita il Campeggio La Peschera e Bar Sergent

LINK ESTERNI

– Per le relazioni su Finale Ligure e Liguria vai al sito: www.vielunghefinale.com
– Per le relazioni sull’alpinismo sulle Alpi Biellesi vai al sito: www.montagnabiellese.com

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookies per avere una migliore esperienza di uso. Continuando si accetta che esso ne faccia uso come da normativa qui presente. Continuando a navigare su sito accetterai l’utilizzo di Cookies da parte di vielunghevalledaosta.com. Consulta la nostra Privacy Policy.