Pilier Lomasti – Via Passaggio a Nord Ovest

Pilier Lomasti - Via Passaggio a Nord Ovest

La Via Passaggio a Nord-Ovest al Pilastro Lomasti è un’arrampicata molto tecnica, con chiodatura esigente.

Zona: Bassa Valle d’Aosta, Arnad, Machaby

Quota partenza (m): 500

Quota vetta (m): 1000

Apritori: Manlio Motto e Gianni Predan nel 1989

Sviluppo arrampicata: 180 metri

Tipo di apertura: dal basso con fix

Esposizione: ovest

Protezioni: fix inox

Difficoltà: 6b, 6b obbl.

Note: è via con chiodatura a volte distanziata, obbligatorio esigente

Equipaggiamento: normale da arrampicata, la via è interamente attrezzata a fix

Accesso: arrivando dal Piemonte, uscita casello di Pont San Martin, andare a sinistra e oltrepassare Donnas e Bard, poco Prima di Arnad, circa 500 m prima del cavalcavia dell’autostrada girare a destra fino al ristorante Arcaden, proseguire nella strada che costeggia le pareti della Gruviera, superare un ponte e salire verso destra, ad un bivio stare a destra, la strada finisce in un ampio parcheggio.
Arrivando da Aosta, uscire al casello di Verres, andare a destra, passare Arnad, circa 500 m dopo il cavalcavia dell’autostrada girare a sinistra fino al ristorante Arcaden, proseguire nella strada che costeggia le pareti della Gruviera, superare un ponte e salire verso destra, ad un bivio stare a destra, la strada finisce in un ampio parcheggio.

Avvicinamento: seguire la strada che sale al Santuario di Machaby, giunti al Forte di Machaby, continuare su strada fino a che si trasforma in mulattiera nei pressi di una baita, dopo un breve tratto ad un tornante seguire il sentiero che va in orizzontale a destra, (bellissima vista sul Paretone), superare una breve scala di pietra ed in breve si è alla base del Pilier Lomasti. La via parte nel bosco in basso a sinistra in una placca scura un po’ muschiata, ore 1.

Relazione

L1: salire la placca un po’ muschiata con partenza difficile, 6a, primo fix alto, poi bella fessura 5b, sosta da calata, 20 m
L2: salire la placca nera molto tecnica, partenza 5a, poi 6b e 6a continui, quando la placca si abbatte salire con andamento verso destra, sosta da calata, 30 m
L3: salire le placche abbattute 4a, poi muretto e piccolo diedro 5a, sosta da calata, 30 m
L4: partenza verticale e tecnica in un diedro, 6a+, protezioni distanziate, proseguire verticalmente su placca tecnica, 6a+, traversare un paio di metri a sinistra ed ignorare una sosta (Via Choc o Drill), proseguire quindi per placche abbattute, 5a, in direzione della partenza di un diedro, sosta da calata, 40 m
L5: salire il diedro fino a due piccole betulle, 6a, poi proseguire nel diedro camino con arrampicata difficile, 6b, verso l’uscita tratto di 6b+, uscire a sinistra, sosta da calata, 35 m
L6: andare un po’ a destra in placca, 5c, poi puntare al bombamento strapiombante che si supera, 6c o A0, con uscita in placca 6a, sulla sinistra sosta da calata, 20 m
L7: salire una bella placca tecnica a buchi, all’inizio 5c, poi affrontare un muretto strapiombante, 5b, successivamente la placca si abbatte 5a e porta all’uscita della via, superare la sosta da calata della via e raggiungere a destra la sosta di uscita della Via la Rossa e il Vampirla, 30 m

Discesa: in doppia, lungo la Via la Rossa e il Vampirla.

Foto-relazione

LINK ESTERNI

– Per le relazioni su Finale Ligure e Liguria vai al sito: www.vielunghefinale.com
– Per le relazioni sull’alpinismo sulle Alpi Biellesi vai al sito: www.montagnabiellese.com

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookies per avere una migliore esperienza di uso. Continuando si accetta che esso ne faccia uso come da normativa qui presente. Continuando a navigare su sito accetterai l’utilizzo di Cookies da parte di vielunghevalledaosta.com. Consulta la nostra Privacy Policy.